Il sito è in lavorazione. Ci scusiamo di eventuali inconvenienti.

Il libro italiano nel mondo

In evidenza

Essays. Progetto di residenza estiva per traduttori di saggistica italiana

marzo 2022

Essays. Progetto di residenza estiva per traduttori di saggistica italiana

Essays. Progetto di residenza estiva per traduttori di saggistica italiana

La Fondazione Ugo da Como ha sottoscritto in data 21 gennaio 2022 una convenzione il Centro per il Libro e la Lettura, istituto autonomo del Ministero della Cultura che dipende dalla Direzione Generale Biblioteche e diritto d’autore.
Il testamento olografo del Senatore Ugo Da Como stabilisce l’istituzione – alla morte – di un Ente culturale autonomo con sede a Lonato “che abbia per iscopo di giovare con le mie raccolte d’arte e di storia, coi libri, gli incunaboli, i codici, i manoscritti, agli
studi, svegliando nei giovani l’amore alle conoscenze: nello stesso tempo, restando, a decoro del Comune, un luogo degno d’essere visitato, potrà trarre degli ospiti al paese che mi fu caro”. Il testamento identifica quindi nella Cittadella di cultura sia un luogo di studi e di ricerca che un punto di grande interesse turistico.
Il Centro per il Libro e la Lettura ha l’obiettivo di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia, nonché di promuovere il libro e la cultura italiana all’estero, proponendosi come punto di riferimento per il mondo professionale in tutte le sue molteplici componenti e come luogo di incontro, di dialogo e di scambio per gli operatori pubblici e privati che quotidianamente operano nei vari ambiti della produzione, della conoscenza e della diffusione del libro.
Nello specifico, il Centro, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 25 gennaio 2010, n. 34, “incentiva l’ideazione, la progettazione e la realizzazione di programmi editoriali tematici”, “promuove e realizza, in collaborazione con il Ministero degli affari esteri […] adeguate politiche di diffusione del libro, della cultura e degli autori italiani all’estero, attraverso una pianificazione pluriennale delle strategie di intervento in materia di partecipazione alle Fiere internazionali del libro e di sostegno alle traduzioni, anche in esecuzione di appositi accordi culturali”, “promuove e organizza manifestazioni ed eventi, in Italia e all’estero, volti a diffondere la produzione editoriale italiana e la cultura della lettura in generale”.
Il Centro e la Fondazione, considerati i propri fini istituzionali e la complementarità delle tematiche di rispettiva competenza, intendono cooperare, al fine di promuovere la letteratura contemporanea anche in traduzione, con specifico riferimento alla traduzione dall’italiano in lingua tedesca, inglese e francese in considerazione dei grandi flussi turistici dell’area linguistica interessata al Garda e in previsione degli appuntamenti internazionali delle fiere del libro di Parigi (2023) e Francoforte (2024) in cui l’Italia sarà Paese Ospite d’Onore.
Il primo progetto attivato grazie alla sottoscrizione della convenzione prevede la realizzazione – a Lonato, presso la sede della Fondazione – di una residenza estiva, della durata di un mese, per traduttori stranieri di libri italiani, con particolare riferimento e attenzione alla pubblicistica saggistica di divulgazione scientifica, medica, di costume e società, di tecnologia, letteratura, filosofia ecc.
La residenza sarà riservata a traduttori stranieri attivi o comunque interessati a sviluppare progetti nel settore della traduzione saggistica dall’italiano in altra lingua straniera, e avrà corso del mese di luglio (prima edizione: luglio 2022).
Per l’assegnazione dei posti disponibili è indetto un bando riservato a traduttori di lingua madre tedesca, inglese e francese, nel numero di 2 unità per ciascuna delle lingue menzionate.
CLICCA QUI per scaricare il testo del bando
Share: