Il sito è in lavorazione. Ci scusiamo di eventuali inconvenienti.

Il libro italiano nel mondo

ChildrenLibri

Ma che musica! Vol. 3 | What great music! Vol. 3

Ma che musica! Vol. 3 | What great music! Vol. 3

Diritti esteri venduti:
COREA DEL SUD

Brani di classica e jazz da ascoltare e da guardare per bambini da 0 a 6 anni secondo la Music Learning Theory di Edwin E. Gordon. La serie Ma che musica! propone ascolti tratti da repertorio classico e jazz per bambini da o a 6 anni. I brani proposti sono stati scelti per fornire un insieme di stimoli musicali molto vari, perciò utili allo sviluppo della musicalità dei più piccoli. Secondo le ricerche di Gordon, infatti, è fondamentale ascoltare musica di qualità durante i primi anni di vita. Proprio l’ascolto precoce permette al bambino di sviluppare la sua attitudine musicale e con essa la sua capacità di capire e apprezzare generi musicali diversi. Le illustrazioni e le brevi frasi dei libri, dedicate a ciascun brano, sono un efficace supporto per coinvolgere i più piccoli e permettere loro di avvicinarsi agli strumenti musicali, imparando a riconoscerli dal suono e dalla forma. Con Ma che musica! genitori ed educatori potranno finalmente vivere insieme ai propri bambini un’esperienza musicale utile, divertente e appassionante. Pensati per i più piccoli, i brani di Ma che musica! sono piacevoli da ascoltare anche per gli adulti.

Genere: Bambini

Soggetto: Musica

Casa editrice:

Edizioni Curci

Anno di pubblicazione: 2010

Luogo di pubblicazione: Milano

Numero di pagine: 48

Prezzo: Euro 15,00

ISBN: 9788863950427

Diritti stranieri: Laura Moro / Cinzia Di Dio La Leggia


Ma che musica! Vol. 3 | What great music! Vol. 3

Andrea Apostoli

Diplomato in flauto traverso, ha studiato negli Usa specializzandosi con Edwin E. Gordon, l’ideatore della Music Learning Theory.

Presidente dell’Aigam, Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale,

svolge un’intensa attività come autore, formatore e musicista per l’Aigam, l’Accademia

Nazionale di Santa Cecilia, l’Accademia del Teatro alla Scala di Milano,

per l’Università di Bologna (DAMS), i Conservatori di Pescara e di Monopoli.

Share: