Il sito è in lavorazione. Ci scusiamo di eventuali inconvenienti.

Il libro italiano nel mondo

ChildrenLibri

#NellaRete

#NellaRete

Un romanzo giallo per ragazzi dove il mondo della rete e dei videogiochi online fa da sfondo a un mistero da risolvere, alla richiesta d’aiuto di un hacker misterioso e al rapimento di un bambino.

Amelia e Dino non si piacciono granché, ma quando un hacker, sotto le spoglie di un imbattibile giocatore online, entrerà nel computer di Fulvio, si ritroveranno a indagare insieme. Dino, ossessionato da complotti e violenze, è sicuro si tratti di un terrorista. Fulvio, poco convinto di questa teoria, vuole scoprire chi si celi dietro il nome del giocatore. La faccenda si fa più oscura quando strane cose cominciano a capitare. L’indagine continua e si riesce a trovare un indirizzo. La casa dell’anonimo hacker si trova non lontano dalla scuola. La persona che vi abita però è una donna misteriosa. Cosa nasconde la casa verso cui sembrano concentrarsi tutte le ricerche? Perché Tarzan, il cane di Amelia, sembra impazzire ogni volta che ci si avvicina? E chi è la donna che ci abita?

  • Dalla vincitrice del Premio Alice guarda il mondo, tra le autrici italiane più apprezzate e lette dal pubblico dei giovani lettori.
  • Il mondo della Rete come sfondo di un giallo avvincente.
  • “Georgia Manzi è stata definita una giovane Simenon per la tessitura tesa, con straordinari personaggi, dei suoi romanzi.” (La Repubblica)

Genere: Ragazzi

Casa editrice:

Pelledoca Editore

Anno di pubblicazione: 2017

Luogo di pubblicazione: Milano

Numero di pagine: 144

Prezzo: 16 €

ISBN: 978-88-3279-000-9

Diritti stranieri: Sarah Daumerie - sarahdaumerieforeignrights@gmail.com


#NellaRete

Georgia Manzi

Nata a Foggia, ha studiato Lettere Moderne a Roma. Ha vinto il “Premio Alice guarda il mondo” con il romanzo per ragazzi Non avrò più paura (Rizzoli) e la Menzione speciale “Premio Pippi” per il romanzo L’ultimo segreto (Fabbri). Nel 2016 ha esordito nella narrativa per adulti con il romanzo Giovanni dei topi (Bompiani).

Share: