Il sito è in lavorazione. Ci scusiamo di eventuali inconvenienti.

Il libro italiano nel mondo

In evidenza

Una nuova collana di poesia italiana in Spagna

Una nuova collana di poesia italiana in Spagna

L’italianista di Valencia Juan Pérez Andrés (1973) e il poeta Paolo Febbraro (1965) sono i coordinatori di una collezione di poesia italiana contemporanea tradotta in spagnolo che ha cominciato le sue pubblicazioni nel marzo 2020. Denominata “Gli Incursori”, la collana è la più recente iniziativa della Asociación Cultural Zibaldone, il cui obiettivo è la diffusione della cultura italiana nei paesi di lingua spagnola e la cura dei rapporti fra le due nazioni europee e l’America Latina. Nel 2013 ha preso il via la pubblicazione sul web della rivista «Zibaldone. Estudios Italianos», fondata e diretta dallo stesso Pérez Andrés, rivista due anni dopo incorporata nella piattaforma Open Journal System della Universidad de Valencia. Prevalentemente interessato al teatro italiano, Pérez Andrés si è addottorato con una tesi su Marco Paolini e nel 2017 ha promosso la sua rivista a casa editrice. Nell’aprile 2019 la nuova iniziativa si è aggiudicata il Premio Nazionale della Traduzione assegnato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Ha subito preso il via la collana teatrale “Canovaccio”, che ha pubblicato in edizione bilingue i volumi Giuseppe Bonaviri, Dolcissimo, Laura Curino e Gabriele Vacis, Camillo Olivetti. A las raíces de un sueño, Marco Baliani e Remo Rostagno, Kohlhaas; fra i prossimi titoli vi sono la Compañía Berardi-Casolari con Amleto take away e Lucia Calamaro con La vita ferma/L’origine del mondo.
Quanto alla poesia, già nel 2017 il volume 5 di «Zibaldone. Estudios Italianos» era stato interamente dedicato a Veintidós poetas para un nuevo milenio, un’antologia bilingue in cui comparivano fra gli altri Roberto Deidier, Rosaria Lo Russo, Andrea Inglese, Laura Pugno, Fabrizio Bajec, Andrea Temporelli e Federico Italiano. Da quella sorta di “esplorazione preventiva” è nata l’idea di tradurre una scelta dei versi di Paolo Febbraro, ora apparsa – nella traduzione di Pérez Andrés e con un’introduzione di Alfonso Berardinelli – sotto il titolo El bien material. Poesías Escogidas (1992-2018), per poi affidare allo stesso poeta e saggista romano il coordinamento di una collana che portasse alla definizione della migliore poesia italiana degli ultimi decenni. La via più efficace è apparsa quella di proporre delle antologie compilate dagli stessi autori, in grado di incontrare il lettore di lingua spagnola con un’immagine di scorcio che tuttavia rappresenti un intero percorso poetico e intellettuale. Fra il 2020 e il 2021 sono in programma le sillogi di Matteo Marchesini, Paolo Maccari, Giorgio Manacorda, Edoardo Zuccato, Elio Pecora, Fabio Pusterla, Umberto Fiori, Carlo Bordini, Annelisa Alleva, Daniela Marcheschi e Lucio Mariani. Fra i traduttori, Paolino Nappi, Juan Francisco Reyes Montero, María Antonia Blat Mir, tutti membri dell’Asociación Cultural Zibaldone.

Share: