Il sito è in lavorazione. Ci scusiamo di eventuali inconvenienti.

Il libro italiano nel mondo

FictionLibri

SE L’ACQUA RIDE

SE L’ACQUA RIDE

Il lento inabissarsi di un mondo secolare negli anni Sessanta. Un ragazzo cresce nell’avventura indimenticabile di due estati a bordo di un bùrchio.

La storia si sviluppa tra il 1964 e il 1966, l’ambiente è quello dei barcari di fiume, i personaggi principali sono tre: il nonno Caronte, padrone dell’imbarcazione depositario delle tradizioni; il padre, che percepisce le difficoltà del loro mestiere messo in crisi dal commercio sui camion; Ganbeto, il nipote di 13 anni che vive la frattura tra il presente e il passato. Il suo primo viaggio in barca segna un momento di idillio. A un certo punto, però, Ganbeto si allontana dalla barca, e anche il padre, per far fronte alle difficoltà, entra in fabbrica. Nel novembre del 1966 Caronte parte per sfida con il suo bùrchio, in una violenta tempesta, e scompare. Ganbeto andrà a cercare traccia del nonno sugli argini, e prenderà coscienza di quanto gli è rimasto della sua breve ma intensa esperienza di barcaro.

Genere: Narrativa

Casa editrice:

EINAUDI

Anno di pubblicazione: 2020

Luogo di pubblicazione: TORINO

Numero di pagine: 200

Prezzo: 18,50

ISBN: 8806244086

Diritti stranieri: GRANDI E ASSOCIATI AGENZIA LETTERARIA

Premi: Nel 2015 partecipò al Premio Strega con \

Collocazione in classifiche di vendita: uscito aprile 2020

Scarica Testo campione
SE L’ACQUA RIDE

PAOLO MALAGUTI

Paolo Malaguti è nato a Monselice (Padova) nel 1978. È autore di Sul Grappa dopo la vittoria (Santi Quaranta 2009), Sillabario veneto (Santi Quaranta 2011), I mercanti di stampe proibite (Santi Quaranta 2013), La reliquia di Costantinopoli (Neri Pozza 2015, con cui ha partecipato al Premio Strega), Nuovo sillabario veneto (BEAT 2016), Prima dell’alba (Neri Pozza 2017), Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie (Marsilio 2018) e L’ultimo carnevale (Solferino 2019).

Altri titoli tradotti dello stesso autore:
no
Share: