Cerca nel catalogo

Ricerca avanzata nel catalogo dei libri di New Italian Books

Skip to content Skip to footer

Steve Jobs non abita più qui

Un ritratto della Silicon Valley, tra gli scantinati dove sono nati i giganti della tecnologia e dove le speranze liberali si sono scontrate contro il muro della Right Nation di Trump.
Molti luoghi del mondo sono macchine del tempo, quasi sempre rivolte al passato. Poi ce ne sono alcuni – pochissimi – che portano direttamente, se non al futuro, a quello che del futuro riusciamo a immaginare. Uno è la California di Michele Masneri. Non importa dove Masneri si aggiri, né con chi parli: che ascolti un autista di Uber descrivergli nei particolari la startup che lo renderà miliardario, registri le lagnanze dei vicini di casa di Mark Zuckerberg, tormentati dalle sue perenni ristrutturazioni di interni, esplori quanto sopravvive dell’un tempo gioioso ecosistema gay, o si faccia spiegare molto bene da Jonathan Franzen dove il pianeta dovrebbe andare per salvarsi, quella che Masneri scrive qui è una lunga, movimentata, esilarante prova provata di quanto ci avesse visto lungo Frank Lloyd Wright, quando sosteneva che tutto quanto sul pianeta non abbia un ancoraggio sufficientemente solido prima o poi comincerà a scivolare verso la California.

Grande scrittura, sontuosa e divertente descrizione non solo di San Francisco, ma della San Francisco che è in noi: l’hippysmo, i movimenti di liberazione, i gay, gli startupper e la vita digitale, i tentativi di realizzarsi, le mode e le manie bio, un libro indispensabile, ideale lettura del nostro agosto brado – Camilla Baresani, “Il Messaggero”

“Michele Masneri dalla Silicon Valley ci regala un divertentissimo e stralunato reportage: tra feste dove ci si imbuca agli incontri con giovani e speranzosi startuppari, aspettando di creare app milionarie, scrittori famosi e tycoon dell’industria digitale.” – “Panorama”


Michele Masneri è un giornalista e scrittore italiano. Ha lavorato ad Amburgo e a Parigi in organizzazioni internazionali. Scrive di economia, case, cultura, sul “Foglio”, “Il del Sole 24 Ore”e “Rivista Studio”. Addio, Monti è il suo esordio narrativo.